Festival BARI IN COMMEDIA

Teatro Kismet il 17/09/2021 21 il 18/09/2021 19 dal 18/09/2021 al 19/09/2021 21

Festival BARI IN COMMEDIA

Tre giorni di laboratori, workshop e spettacoli a cura della Compagnia I Nuovi Scalzi, in collaborazione con Teatri di Bari

LABORATORI E WORKSHOP

17-19 settembre – Laboratorio di Maschere di Commedia dell’arte (a cura di Andrea Cavarra)

Riteniamo che lo studio e la pratica di questa antica e tipica di forma di artigianato teatrale italiana possa essere utile a giovani scenografi, attori che desiderano approcciare al teatro in maschera e a tutti coloro che sono interessati alle arti plastiche applicate al teatro

IL PERCORSO, GLI OBIETTIVI E GLI SBOCCHI

Durante il laboratorio, partendo da una matrice già esistente del catalogo di Zorba Officine Creative, ogni partecipante realizzerà, sotto la guida dell’insegnante, una delle tipiche maschere di Commedia dell’Arte.

Il corso ha tra gli obiettivi quello di permettere all’attore che desidera realizzare il teatro in maschera di realizzare il suo strumento personale, vale a dire una vera maschera in cuoio. Ma anche una figura professionale come quella dello scenografo, può attraverso il corso, iniziare un percorso di ricerca sulla maschera teatrale come prodotto, ed appropriandosi di questa tecnica può arrivare a realizzare le maschere che desidera produrre.

Il corso è propedeutico a quello di “realizzazione della matrice in legno”.

(dai 18 ai 99 anni)

19 settembre – Workshop di Commedia dell’arte (a cura della Compagnia I Nuovi Scalzi)  

 

SPETTACOLI

17 settembre h 21.00 – La ridiculosa Commedia (Compagnia I nuovi Scalzi)
18 settembre h 19.00 – Il Mascheraio, spettacolo di Andrea Cavarra
18 settembre h 21.00 – La ridiculosa Commedia (Compagnia i nuovi Scalzi)

 

SCHEDE SPETTACOLI

I Nuovi Scalzi
LA RIDICULOSA COMMEDIA
regia Claudio De Maglio e Savino Maria Italiano
con Savino Maria Italiano, Olga Mascolo, Ivano Picciallo, Piergiorgio Maria Savarese
Una nuova drammaturgia, frutto del lavoro di creazione degli attori assieme a Claudio De Maglio.
Uno spettacolo di alto livello, che ha ottenuto un grande successo all’estero, dove la tradizione delle maschere del teatro italiano e le tecniche della Commedia Dell’arte si uniscono ad un linguaggio moderno, dinamico, non formale e soprattutto accessibile a tutti. Attraverso la comicità fatta di situazioni, la compagnia riflette su alcuni temi molto attuali, fra cui: il potere della speculazione edilizia e della corruzione politica, il diritto alla libertà di scelta del proprio futuro, il rapporto genitori-figli, l’importanza del prendersi cura della propria terra (intesa in generale come bene comune). La storia è collocata a Barletta, molto tempo dopo la “Disfida di Barletta”. Con un atto di fantasia i nostri protagonisti sono pensati come i discendenti di alcune figure storiche legate alla “Disfida di Barletta”, vicenda storica, romanzata anche da M. D’Azzeglio.
Si cerca anche di stimolare il pubblico nazionale e internazionale ad approfondire la conoscenza di una delle storie della tradizione pugliese. È una giornata come tante altre. Friariello, un semplice contadino, si trova ad essere preso di mira da Pantalon De Borghia fu La Motte, un avido imprenditore edilizio, e dott. Graiano d’Asti, un politico facile alla corruzione. In quello stesso giorno è di ritorno a casa Florenzia, figlia dell’imprenditore, che dopo molti anni in viaggio alla ricerca della propria libertà, è costretta a tornare a casa avendo terminato ogni risorsa economica datale dal padre.

 

IL MASCHERAIO

Lezione Spettacolo nell’Atelier delle Maschere

di e con Andrea Cavarra

 

Un vero e proprio atelier di costruzione maschere teatrali viene aperto al pubblico.

Vi troviamo decine di maschere in cuoio, calchi in gesso, matrici in legno e tutti gli accessori del lavoro del mascheraio (pelli, pellicce, martelli, ecc.) Sono usati dal maestro Andrea Cavarra per far conoscere al pubblico questa antica arte teatrale.

Il mascheraio racconta la storia della maschera nella società, nella religione e nel teatro, dal teatro greco alla commedia dell’arte, fino ad arrivare ai giorni nostri.
Ogni volta che un personaggio viene evocato il pubblico lo vede vivere di fronte a sé.

Ogni volta che un aneddoto viene raccontato il pubblico comprende sempre di più in che modo la maschera è all’origine di tante forme di spettacolo moderne.

Ma non solo, il mascheraio sceglie delle persone dal pubblico e mostra come nasce una maschera ispirata al volto di una persona, come gli si dà un carattere, un corpo, una voce e un significato. Man mano che il maestro svela come nasce una maschera,
ce ne rivela anche tutti i significati simbolici, lo scopo sociale, ma soprattutto perché la maschera è sempre attuale.

 

Condividi su: