GHIBLI – suoni ed echi dal Mediterraneo

Teatro Kismet il 28/01/2023 ore 21

Nabil Bey - Fabrizio Piepoli GHIBLI – suoni ed echi dal Mediterraneo

con Nabil Bey (voce, tar, chitarre, live electronics) | Fabrizio Piepoli (voce, pianoforte, chitarre, live electronics)

Ghibli è uno spettacolo vede unite due delle voci più importanti della world music italiana e del pop di matrice mediterranea: il libanese di origini

palestinesi Nabil Bey (voce dei Radiodervish, collaboratore di Battiato e altri) e il pugliese Fabrizio Piepoli (voce de La Cantiga de la Serena e già collaboratore di Teresa De Sio e altri).

Insieme esploreranno gli universi musicali pugliese e arabo-mediorientale, mescolando tradizione e musica leggera, mettendone in luce gli aspetti storici, culturali, teorico-musicali attraverso una narrazione fatta principalmente di racconti e aneddoti, in una trama che abbraccia la storia della musica

mediterranea, mescolando suoni acustici ed elettronica.

Un abbraccio artistico che racconta l’unione e la fratellanza, al di là delle laceranti divisioni, un dialogo di speranza e di convivenza che lenisce le ferite dei conflitti e, attraversando il passato fino alla contemporaneità, si fa portavoce di una nuova storia di pace.

La formula della lezione-concerto lancia un nuovo percorso formativo e di produzione che mette al centro la world music, i suoi aspetti culturali, gli sviluppi artistici e le occasioni di connessione tra la Puglia e i territori e le culture italiane e del Mediterraneo.

Il percorso ha l’obiettivo di restituire una lettura attuale dei processi artistici in atto nel Mediterraneo, mettendo a confronto culture e prassi musicali tradizionali, valorizzando i nuovi percorsi accademici dedicati alla world music in Italia (entrambi gli artisti sono docenti presso il Conservatorio ‘Tito Schipa’ di Lecce nel Corso triennale di I livello di Musiche tradizionali ad indirizzo etnomusicologico), incentivando il dialogo tra diverse espressioni artistiche, misurandosi con le nuove modalità di fare community, connettendo nuovi luoghi per la produzione e il dialogo tra le arti di matrice tradizionale.

Condividi su:
Cooperativa Tric - Teatri di Bari - P.iva : 07685700721 - Privacy - Cookies