Dalla parte del Lupo

Teatro Kismet

Dalla parte del Lupo

Testo e regia Damiano Nirchio
Con Anna de Giorgio, Damiano Nirchio, Bruno Soriato/Carlo Quartararo
Scene e oggetti Bruno Soriato
Luci e suoni Carlo Quartararo
Costumi e assistente alla regia Raffaella Giancipoli

La storia di Cappuccetto Rosso è una storia infinita.
Non esistono Nonni, Genitori, Figli o Nipoti che non abbiano incontrato il Lupo.
Una, mille volte…
Tutti sanno che è cattivo, che si nasconde nel buio, nella nebbia, nel sentiero che non si è mai percorso, nei luoghi in cui non si guarda mai.
Altri dicono che sia grande, grosso e nero come la notte.
Ma…
Quanti lo hanno guardato negli occhi? O lo hanno sentito parlare? Chi è veramente il Lupo? C’è qualcuno che lo sa per davvero?
Qualcuno c’è, a quanto pare…

Una nonna, rimasta a letto con un brutto raffreddore, racconta alla sua nipotina una storia accaduta tanto tempo prima, quando era una giovane giornalista squattrinata a caccia di una notizia da prima pagina. Di quel giorno in cui, come in un libro giallo o in un film noir, attraversò una metropoli in bianco e nero sotto una pioggia incessante, tombini fumosi e sirene della Polizia. Una coraggiosa ricerca della Verità con incontri buffi e misteriosi, in fondo alla quale la giornalista spera di trovare finalmente il nascondiglio del famigerato Lupo, o forse il senso del Male e della Cattiveria.

La scoperta che farà al termine della sua avventura sarà ancora più incredibile e cambierà per sempre il suo modo di guardare il mondo.

Condividi su: